Cappella di la Carrà: Santuario di Plontaz

Sito incantevole.

LA CAPPELLA DI LA CARRÀ: BELLEZZA PERPETUA

Dinanzi alla vista del ghiacciaio del Rutor e delle montagne circostanti, vi direte che sono molto fortunata a trovarmi qui e a godere dello spettacolo offerto dalla natura. Tuttavia, di fronte a tanto splendore, attirare l'attenzione dei parrocchiani non è affatto facile.
Fondata nel 1669 dagli abitanti dei villaggi di Plontaz, ho fatto di tutto per valorizzare la mia bellezza, grazie ai numerosi restauri e ampliamenti: nel 1993, nel 1905 e ancora nel 1993.
Ma senza il mio dipinto d’altare, firmato Giovanni Stornone e raffigurante la Vergine con il Bambino e san Pantaleone, e senza il mio altare, opera di un artista valsesiano del XVIII secolo, ex altare del Rosario della chiesa parrocchiale, portato qui nel 1912 e che mi illumina dall’interno, penso che non sarei mai riuscita a farli diventare devoti. Tanto ricca di colori, quanto lucente per la sua assenza, una parte di me è esposta al museo parrocchiale: si tratta dei medaglioni scolpiti con i 15 Misteri del Rosario.

/home/saintgeraz/patrimoine/wp-content/themes/itineras/single-incontournables.php on line 93
pictoCoupDeCoeurIt'>

La leggenda vuole che la Valgrisenche sia stata scoperta dagli abitanti di Sainte Foy della valle di Tignes, mentre un giorno inseguivano la "Bionda", la mucca più bella delle loro mandrie. Questa fuggiva continuamente per andare a pascolare sul lato opposto del Col du Mont, nei prati lussureggianti della nostra valle. Conoscete l’espressione che afferma che l’erba del vicino è sempre più verde?
Ebbene, quando avrete ammirato gli splendidi pascoli della zona di Plontaz, non avrete più alcun dubbio che questa espressione trae la sua origine da lì.

AneddotoIL REVERENDO ADOLFO BOIS RICORDA

"Quando ero piccolo, mia madre mi portava spesso alla cappella per pregare e ringraziare la Madonna delle Grazie." Sulle pareti, molti ex voto testimoniano tutte le piccole richieste di grazia presentate in questo luogo di devozione e di pellegrinaggio dalla gente dei villaggi vicini. Il riflesso dell’onnipresenza della Vergine e dei santi nella vita di tutti i giorni dei Valgriseins.

CAPPELLA DELLA CARRÀ
LOC. LA CARRÀ DI PLONTAZ
Lon. 7.062553°
Lat. 45.605821°
2044 M
Accesso